Una guida pratica per installare un incasso da soli senza problemi

Ti sei mai chiesto come installare un faretto da incasso senza essere un esperto o senza l’aiuto di un elettricista cosi da contenere i costi? Anche tu ti sarai trovato ad installare un faretto da incasso nella propria abitazione, pertanto riteniamo sia utile condividere con voi questa semplice guida illuminotecnica che vi aiuterà a capire la procedura corretta per installare questo prodotto molto comune. Innanzitutto dobbiamo dire che la procedura per l’installazione di un faretto da incasso è molto semplice e spesso ciò che occorre tenere maggiormente sotto controllo è la corretta rifinitura del foro di alloggio che viene praticato per installare il faretto. Esistono diverse tipologie di faretti da incasso, faretti alogeni, alogeni a bassa tensione, faretti fluorescenti, faretti a ioduri ed i nuovissimi faretti a Led, tutti però vengono installati tenendo bene in mente sempre gli stessi concetti di base.

Una volta che avrete stabilito anticipatamente quanti faretti installerete, dove li installerete e con quale potenza dovrete per prima cosa segnarvi il diametro o le dimensioni del foro di incasso del faretto che avete acquistato. Questo tipo di misurazione è presente sempre sulla scheda tecnica del prodotto e vi permetterà di creare il giusto foro di accesso per la collocazione del vostro faretto.

Qualora si trattasse di un faretto da incasso per la muratura (anche chiamato per laterizio) dovrete prendere le dimensioni della sua cassaforma, o scatola di alloggio, e una volta misurata provvedere a praticare un foro grande quanto la stessa cassaforma. Con il diametro esatto del foro da praticare nel cartongesso non dovete fare altro che praticare una decisa forza sulle molle che sono poste al lato del faretto stesso e inserire il corpo lampada all’interno del foro. Tale operazione è suggerita solo dopo avere già effettuato i collegamenti del faretto stesso. Per i faretti alogeni in bassa tensione potrete addirittura pensare di installare già anticipatamente anche la lampadina di corredo. Una volta entrate, le molle di bloccaggio laterale del faretto all’interno del suo foro si apriranno a scatto e fisseranno il faretto nel cartongesso mettendo il prodotto in sicurezza. Mi raccomando: ‘ attenzione alle vostre dita!’.

Dettaglio spessore faretto da incasso

Dettaglio spessore faretto da incasso

Dove si possono installare i faretti da incasso?

I faretti da incasso sono installabili in molteplici superfici che vanno dai controsoffitti in cartongesso, nei pannelli di legno, nei top delle cucine, a pavimento, nella parete e in tutte quelle superfici dove è possibile praticare un foro e permettere al faretto di essere inserito per la quasi totalità della sua struttura. Qualora si tratti di faretti da incassare nel cartongesso, le procedure di installazioni sono come quelle comuni già indicate sopra, nei pannelli di legno idem, qualora invece dobbiate installare i faretti a pavimento o nella muratura ci sono alcuni accorgimenti necessari che vi illustriamo.

I faretti da incasso a pavimento, o anche chiamati calpestabili, devono necessariamente essere dotati di cassaforma. La cassaforma è un box di contenimento che permette all’installatore di praticare un foro all’interno del pavimento e una volta fissata la stessa alloggiarvi al suo interno il corpo lampada del faretto da incasso. Tale accorgimento permette una facile manutenzione nel tempo perché la cassaforma sarà l’unica parte elettrica bloccata a terra mentre il corpo del faretto potrà essere estratto in qualsiasi momento. La cassaforma dovrà essere installata a filo pavimento ed il faretto inserito al suo interno una volta terminato il suo collegamento elettrico.

Anche nel caso di installazione di faretti da incasso a parete nella muratura la proceduta è del tutto simile a quelli a pavimento che vede necessari una cassaforma ed il corpo lampada. Diffidate sempre di chi vi propone l’installazione di faretti da incasso per la muratura cementando direttamente il corpo lampada o siliconando la struttura sulla superficie del cartongesso. Qualsiasi corpo elettrico deve permettervi sempre di poter intervenire sul suo collegamento o sulla struttura dello stesso.