Da tempo il bagno si è trasformato sempre di più in uno spazio dove ritagliarsi momenti di assoluto relax e non solo quell’ambiente in cui svolgere i nostri servizi di makeup o fisici. Per questo è importante ragionare su come illuminare al meglio il nostro bagno. Per prima cosa è fondamentale sapere individuare i due obiettivi fondamentali da tenere in considerazione quando pensi di illuminare il tuo bagno, ovvero fare luce in senso generale e sullo specchio. Questi sono i due bersagli che non puoi dimenticarti di centrare quando inizia a progettare la tua illuminazione.

Per quanto riguarda l’illuminazione generale le strade sono essenzialmente due, una che prevede la collocazione di un punto luce centrale a soffitto per l’installazione di una lampada a soffitto (plafoniera) ed una che prevede l’installazione di un controsoffitto in cartongesso che ti faciliti il montaggio di incassi a luce direzionale. Una plafoniera è sicuramente una delle soluzioni più utilizzate quando si illumina in modo generale, grazie alla sua caratteristica di luce diffusa. Fai però particolare attenzione ad utilizzare soluzioni ibridi con binari sui quali sono collocati elementi luminosi direzionali. In questo caso la presenza di uno specchio deve spingerti a fare particolare attenzione ai riflessi che si possono generare.

Se invece opterai per l’installazione di faretti da incasso direzionali o non nel cartongesso, dovrai fare attenzione ad impiegare materiale di qualità e preferibilmente con un grado di protezione superiore a IP40. Su questo punto molte volte si sorvola dimenticandosi che i materiali in ambienti umidi sono soggetti a rovinarsi con più facilità. Per questa ragione opta sempre per oggetti con un elevato grado di protezione, prima lo farai e più tardi dovrai rimediare a questa dimenticanza.

Per illuminare lo specchio invece le possibilità sono veramente molteplici e si divino in illuminazione con luci ad emissione verticale verso il basso, luci laterali sullo specchio stesso o incassi applicati direttamente sullo speccchio stesso. Il primo suggerimento che mi sento di darti è quello di valutare sempre che davanti al tuo specchio c’è sempre un lavandino, ostacolo fisico che ti mette nella posizione scomoda di muoverti per poter vedere in dettaglio il tuo viso quando ti specchi. Questo tipo di movimenti, uniti alle sporgenze tipiche del viso, non favoriscono affatto un tipo di illuminazione ad emissione verticale verso la superficie dello specchio. In questo caso la luce sul tuo viso sarà piena di ombre proiettata proprio dalle sporgenze del tuo viso. Opta se puoi su lampade ad emissioni diffuse, cosi che sia il tuo viso già illuminato ad essere riflesso sul tuo specchio sorvolando le caratteristiche fisiche del tuo volto.

Crea atmosfera nel bagno e non fare solo luce

Oltre a fare luce in senso generale nel bagno, ricordati che puoi anche creare atmosfere piacevoli e rilassanti. Puoi ottenerle per esempio adottando lampade da pareti a luce radiale (sopra e sotto) oppure impiegando la tecnologia a Led. I Led, anche grazie ai prodotti RGB sono in grado di cambiare il colore della luce in bagno e dare vita ad atmosfere molteplici e dinamiche.

Ti sembrerà di entrare nella tua piccola Spa, nella quale rilassarti in totale sicurezza. Potrai insomma, creare ambientazioni sempre diverse che aumenteranno il piacere di passare un pò del tuo tempo in bagno con un impianto di illuminazione originale e dinamico.

Illuminazione del bagno