I concetti di luce e colore sono strettamente intrecciati: in un certo senso la luce e? colore e per questo motivo è importante valutare il rapporto che li lega. Lo spettro visibile dell’energia elettromagnetica e? un campo. La luce a una delle sue estremita?, in corrispondenza della lunghezza d’onda piu? corta, viene percepita come violetta. All’altra estremita?, la luce ha una lunghezza d’onda maggiore e si presenta rossa.
Tutti gli altri colori, blu, verde-blu, verde, giallo e arancio, appaiono nel mezzo. La luce nella quale sono presenti circa le stesse quantita? di tutte le lunghezze d’onda visibili ci appare bianca.

Queste uguali quantita?, comunque non devono essere precise. Le varie lunghezze d’onda prodotte da una sorgente luminosa, possono variare moltissimo anche se la luce continuera? ad apparire bianca; tali comportamenti determinano il colore cosmetico o tonalita? di luce caratteristici di una determinata sorgente luminosa.

Due sono gli elementi strettamente interconnessi della risposta dell’occhio umano alla luce: una reazione a come la luce stessa appare (come la vediamo) e una reazione all’effetto che la luce ha su come appaiono i colori di oggetti e superfici (come li vediamo).

Grafico dello spettro elettromagnetico

I colori primari della luce

La combinazione dei tre colori primari della luce ( rosso, verde e blu) appare bianca. In parti uguali la combinazione di due colori primari produce i colori ”secondari” quali magenta, ciano e giallo. I tre colori primari in quantita? differenti e mescolati possono creare praticamente ogni altro colore di luce.