Quando si parla di riciclaggio nel design si pensa solo al nuovo impiego della materia prima già utilizzata. Se invece si trattasse di utilizzare l’intero oggetto oramai non più utilizzabile nella sua funzione primaria? Questo sarebbe senza dubbio un riciclaggio creativo, ovvero il modo diretto di sfruttare la propria creatività al servizio della materia e della sua forma originale. Alcuni designers famosi si sono infatti cimentati nella realizzazione di una serie di lampade e lampadari proprio partendo da oggetti di uso comune e reinventando nuovi prodotti di design veramente fantasiosi e creativi. Giudicate voi stessi!

Esprit Cabane ha per esempio realizzato una serie di lampade da parete per lo specchio del bagno partendo dai cartoni delle uova. Opportunamente trattati, è riuscita a ricavarne dei fiori stilizzati ed una specie di tralcio floreale che copre un lato dello specchio su cui sono stati installati. Molto originale la scelta ma sicuramente discutibile la scelta della location su cui puntare per l’installazione.

Lampada con i cartoni delle uova

Lampade a parete realizzate con i cartoni delle uova.

Castor Canadensis ha pensato invece di riutilizzare vecchi tubi fluorescenti pronti per essere smaltiti, li ha avvolti su una serie di anelli ed ha creato una sospensione lineare, sempre a risparmio energetico, ideale per l’illuminazione di un tavolo da pranzo. Una soluzione poco pregevole per le zone scure delle estremità dei tubi ma sicuramente significativa sotto il profilo del messaggio legato al basso consumo.

Sospensione creata con i tubi led

Lampada a sospensione realizzata con i tubi al neon.

Anneke Jacobs, forse alla ricerca della lampada ’10 e lode’ ha riclato tutti i caroncini della banana più famose del mondo, la Ciquita, ed ha realizzato una sospensione molto colorata e che sposa perfettamente il concetto del materiale poco pregiato ma estremamente originale. I colori giallo e blu legano molto nell’inserimento in un contesto abitativo ed anche la risposta in termini di luminosità ma coprono bene il cablaggio e questo a vantaggio della potenza impiegabile per un lampadario assolutamente a luce riflessa.

Sospensione realizzata con le banane

Lampadario realizzato con i cartoni delle banane.

Khrysalis partendo da alcune bottiglie di vino ha creato delle semplici sospensioni cilindriche colorate. Molto moderne, essenziali e soprattutto spartane non ci dispiacciono anche se il prototipo non riusciamo a capire se ha un foro nella parte bassa essenziale per garantire almeno una luce di partenza su un possibile bancone di un bar.

Lampade a sospensione con bottiglie di vino

Lampade a sospensione realizzate con bottiglie di vino.

Stuart Haygarthci ha fatto la scelta più consueta quando si parla di riciclaggio creativo, ovvero ha impiegato bottiglie di plastica schiacciate ed ha creato un lampadario a cascata verticale. Il risultato in termini di luminosità non è il massimo ma forse anche per la scelta di un solo cablaggio centrale. Con un pò più di attenzione per la quantità delle sorgenti luminose da impiegare il risultato sarebbe stato migliore. Ovviamente, questao lampada non ha limiti di lunghezza ed è molto leggera, soluzione apprezzata sicuramente anche in un’ipotetica hall di un centro di raccolta rifiuti. Voi che ne dite?

negozio-illuminazione1

Ryan McElhinney ha scelto di riciclare pensando di impiegare nuovamente i giocattoli che spesso ci ritroviamo in un contenitore in cameretta di nostro figlio. Per chi ama soldatini, action figure come me è un’idea carina e che sembra volere immortalare la propria infanzia in una lampada da tavolo.

Lampada da tavolo soldatini fusi

Lampada da tavolo realizzata con i giocattoli.

Volivik Lamp ha invece realizzato una lampada sponsor per il signor BIC. Una cascata di penne biro che sinceramente mi sembra un povero tentativo di creare una lampada di sicuro interesse per un brand specifico come oggetto evocativo e di rappresentanza. Senza però volere pensare male per forza, certo è una lampada dai cerchi concentrici che sicuramente offre anche un gradevole effetto luce, fatto di luce e ombre..

Lampadario con le penne Bic

Lampadario realizzato con le penne BIC.

Per noi toscani e soprattutto per me che abito a pochi chilometri dalla Piaggio questa lampada da tavolo è veramente il massimo. Lamponi’s Lamp infatti è una lampada che ha per diffusore il mitico manubrio della vespa appoggiato su una base che ne contiene il marchio. Ovviamente non possiamo chiedergli funzionalità ne orientabilità ma per gli amanti della Vespa di Pontedera questo basta e avanza.

Lampada da tavolo manubrio Vespa

Lampada da tavolo dedicata alla Vespa.

Quanti di voi hanno gustato un bell’aperitivo con i famosi ombrellini decorativi? Rhode Island School of Design ci ha creato un elegantissimo lampadario, una sospensione colorata esotica ed elegante. La sospensione è ricoperta da una vernice protettiva e da uno spray ignifugo che la rende sicurissima. Immaginateli sopra un bel bancone bar, sarebbero veramente una soluzione divertente, non trovate?

Sospensioni con ombrellini aperitivo

Lampade a sospensione realizzate con gli ombrellini da aperitivo.

Studio Verissimo ha tentato di riciclare le palettine di plastica del caffe. Si tratta di un lampadario di grandi dimensioni che nasconte molto bene la plastica delle palettine sembrando quasi un lampadario di pregio.

Sospensione con le palette del caffè

Lampadario realizzato con le palette da caffè.