CHI SONO
Ciao, mi chiamo Andrea e sono un lighting designer appassionato di tecnologia. Mi piace parlare di computer, recensire gadget e dare consigli per illuminare la casa e il posto di lavoro.
ULTIMA GUIDA TECH
  • Come inserire un logo nell'inquadratura su Zoom

    Inserire un logo sulla webcam che usi per Zoom

I Led prenderanno il posto delle lampadine tradizionali?

Sicuramente ci troviamo di fronte alla nuova frontiera dell’illuminazione moderna, questo significa che i led sostituiranno le vecchie lampadine?
Dettaglio di due Chip Led con nuova tecnologia

In questi anni siano davanti ad un cambiamento epocale nell’illuminazione e l’avvento della tecnologia a Led ci ha messo tutti davanti alla domanda se mai i Led prenderanno il posto delle lampadine tradizionali, come ad incandescenza o a fluorescenza.

I Led sono al massimo della loro maturità tecnologica e il loro sviluppo è lanciato a tutta velocità, i grandi marchi di produzione lo dimostrano investendo miliardi di Euro in questa tecnologia. Credo personalmente che le potenzialità del Led non siano ancora state espresse del tutto ma è certo che oggi si può parlare con cognizione di alternativa luminosa e non solo di esperimento.

Quando ci si trova difronte ad una nuova tecnologia la cosa più intelligente da fare e conoscerne le caratteristiche, cosi da evitare spiecavoli sorprese. Il processo produttivo che riguarda i semiconduttori, le aziende internazionali che producono come Cree, Lumileds, catalogano i chip luminosi in gruppi di colore chiamati BINS e questi stessi vengono identificati in base al colore, al flusso e alla loro tensione di funzionamento. Ciascun Led prodotto deve riportare un’etichetta che lo identifica proprio in base a questi tre parametri.

Questo significa che non esiste un prodotto a Led unico ma che occorre sapere scegliere con attenzione il chip ideale quando si adotta questa tecnologia per realizzare un progetto di illuminazione.

Sapere cosa scegliere ti aiuterà a non sbagliare

La durata incredibile e i suoi consumi ridottissimi sono i fattori che più di tutti attirano i potenziali acquirenti e non possiamo dargli torto. Certo è che si tratta di variabili che possono modificarsi in base alla location di installazione, alla qualità di materiali con cui è stato realizzato il prodotto e anche alla potenza in termini illuminotecnici.

Non si deve fare l’errore comune che una semplice scritta sulla confezione di un Led come questa, sia l’elemento che ci serviva per scegliere in modo corretto:

“Led 15W pari a 60W”

Se desideri avere una certezza sul risultato luminoso che otterrai adottando la tecnologia a Led dovrai imparare a valutare una sacco di parametri e farti aiutare da un professionista della luce che ti aiuterà a fare interagire la luce con lo spazio che illuminerai in modo corretto. Stiamo parlando naturalmente in tutti quei casi in cui devi progettare la luce di un intero spazio, altrimenti potrai avvalerti di manuali specifici, pubblicati proprio per permetterti di sapere quello che ti serve per acquistare un Led senza commettere errori.

5 commenti
  1. Articolo molto interessante, in effetti il futuro per le lampadine a basso consumo è ormai segnato per dare passo al LED.
    Un piccolo schema che può risultare utile per vederere l’equivalenza luminica:

    100 lumens – 20W
    200 lumens – 30W
    250 lumens – 40W
    350 lumens – 50W
    420 lumens – 60W
    510 lumens – 70W
    700 lumens – 80W
    800 lumens- 100W

    1. Ciao e grazie per il tuo apprezzamento…
      mi fa piacere che hai condiviso con noi questo piccolo schema di equivalenze pratico e sul quale si potrebbe riflettere. Ovviamente sarai d’accordo con me che in ogni caso occorre sempre fare molta attenzione all’interazione che la luce e quindi il flusso luminoso ha con lo spazio che lo circonda.

      Saluti, Andrea

  2. Salve Andrea complimenti per il tuo blog sempre molto interessante.
    Volevo chiederti un consigli su come dissipare il calore di una lampada G4 a led 12v, in pratica sono quelle piastrine che montano 12led 5050 6w di consumo, sulla parte posteriore ci sono 3 resistenze e un raddrizzatore credo perchè possono funzionare sia in AC che in DC. io stavo pensando di usare la della pasta termica tipo quella per le CPU in corrispondenza delle resistenze nella parte posteriore della lampada, e poi metterci qualche dissipatore anche artigianale in alluminio che ne pensi?
    grazie

    1. Fai molta attenzione perchè pochi gradi di differenza possono compromettere il corretto funzionamento del Led.
      Comunque ti ricordo che io mi occupo di lighting designer e molto meno di elettronica… Scusami!
      Grazie per i complimenti… li apprezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo Precedente
Icona con lampadina in testa

Un nuovo modo di fare illuminazione con il lighting design

Articolo Successivo
Inquinamento luminoso

Quanto influisce la luce su di noi?

Articoli Collegati
Total
0
Condiviso