AUTORE
Andrea Meini è un blogger, appassionato di tecnologia e luci smart. È il fondatore di Idealight.it, uno dei siti italiani nei quali condivide guide e consigli molto semplici per imparare ad usare il PC e lo smartphone. Collabora con diversi brand internazionali del mondo tech e realizza recensioni di gadget, accessori e luci smart.
ULTIMA GUIDA TECH
  • Aggiornare l'app Background App & Process List sulla Fire TV

    Aggiornare Background Apps & Process List su Fire TV

La normativa antincendio per le lampade da ufficio

Vogliamo prendere in esame quale normativa è applicabile a livello nazionale sui requisiti antincendio dei prodotti elettrici ed in particolare sulle lampade da ufficio?
lighting-office

Vogliamo prendere in esame quale normativa è applicabile a livello nazionale sui requisiti antincendio dei prodotti elettrici ed in particolare sulle lampade da ufficio? Ovviamente si spera che presto si proceda con un graduale ma inesorabile sostituzione negli uffici delle lampade tradizionali con nuove lampade a Led ma in attesa di questo passo significativo voglio condividere con voi i requisiti che una lampada da ufficio deve avere per soddisfare la normativa vigente.

Per prima cosa i tempi di autoestinzione, i limiti di infiammabilità dei prodotti derivati dal gocciolamento, quelli sul rilascio di fumi o gas tossici, relativi sia al corpo portalampada che alla cavetteria. Per i materiali autoestinguenti nel settore elettrico viene presa in considerazione la norma UL-94 ma sembra non essere applicata a livello europeo e pertanto molte case costruttrici non la prendono in considerazione. I prodotti sul mercato spesso non rispondono infatti ai requisiti che questa norma impone (Classi V0, V1 e V2).

Le lampade da ufficio devono quindi rispondere ai requisiti previsti dalla Norma Europea EN 60598-1 (e parti successive secondo le varie tipologie) recepita in Italia dalla Norma CEI 34-21 (CEI 34-23, ecc.), essendo quest’ultima considerata la “regola d’arte”, così come previsto sin dalla Legge 186 del 1968 e, successivamente, dalla Legge 46/90 e dal D.M. 37/2008.

Ci tengo a sottolineare che le norme americane, nominate UL e FM, non vengono considerate valide qui in Europa a meno che non ci siano sul territorio nome che riguardano quel settore di competenza. Non dimenticandosi che in Italia sono le norme CEI sugli incendi nei luoghi di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo Precedente
Luce laser nelle auto

La tecnologia a laser sarà la luce del domani?

Articolo Successivo
occhio-oculista

Quali sono i fattori che condizionano il nostro comfort visivo

Articoli Collegati
Total
0
Condiviso
Scrivimi
Posso aiutarti?
Ciao 👋
Sono contento che hai visitato il mio blog. Posso aiutarti in qualche modo?