Dialux, Litestar, Relux sono i 3 software di calcolo illuminotecnico più conosciuti nel mondo del lighting design.

blogI software di calcolo illuminotecnico rappresentano uno degli strumenti principali attraverso i quali un professionista della luce realizza un progetto di illuminazione. Si tratta di strumenti con i quali si può in anticipo determinare come e con che tipo di apparecchio illuminante si potrà raggiungere un determinato livello di illuminamento.

Attraverso un calcolo illuminotecnico eseguito con questi tipi di sofware potrai anche capire il comportamento della luce in quel determinato spazio e soprattutto verificarne i livelli, l’abbagliamento e la distribuzione. Sono certo che avrai compreso già da queste parole iniziale che si tratta di strumenti molto utili se utilizzati in modo adeguato.

In questo articolo ne prenderemo in esame 3, i più conosciuti ed apprezzati nel settore, cercando di capire insieme le caratteristiche principali e soprattutto le differenze sostanziali che hanno l’uno rispetto all’altro.

Ecco i 3 software di cui parleremo:

Dialux: archivi fotometrici completi ma interfaccia complessa

Dialux è uno dei software di calcolo illuminotecnico più conosciuti in rete. Si tratta di un software apprezzato dalla maggioranza, soprattutto, perchè mette a disposizione tanti plug-in che contengono gli archivi fotometrici e fotometrie delle principali aziende di illuminazione tecnica.

Al suo interno, Dialux, utilizza “pov-ray” e ray tracing come motore di rendering per calcolare sia la luce naturale che artificiale. L’interfaccia grafica di questo software di calcolo è completa ma per i miei gusti un pò confusionaria. Personalmente non amo molto i software che non utilizzano un’interfaccia visivamente facile da consultare ma i risultati in termini di calcolo sono davvero soddisfacenti.

Una delle caratteristiche che apprezzo di più di Dialux è la possibilità di importazione dei modelli CAD di terze parti e alcune operazioni booleane per la creazione di ambienti tridimensionali soprattutto in esterno. La velocità di calcolo non è male ma niente di speciale.

>Scaricalo da qui

Esempio di illuminazione stradale per zona industriale fatta con Dialux

Litestar: risultati affidabili ma 3D alla Minecraft

Litestar della Oxytech è stato uno dei miei primi software di calcolo illuminotecnico. Diciamo che mi sono fatto le ossa su questo programma ma nel tempo l’ho abbandonato per passare ad altro. Non ho mai apprezzato la scelta dell’azienda Oxytech di proporre due piani, uno gratuito ed uno a pagamento, ma la fedeltà dei risultati illuminotecnici mi ha sempre stupito.

Si tratta di un software di calcolo molto affidabile e lo consiglio vivamente per chi cerca un risultato certo in termini di luminosità senza badare troppo alla parte fotografica che davvero lascia a desiderare. L’archivio fotometrico di Litestar è davvero completo ed esiste anche la possibilità di crearsi un proprio catalogo di apparecchi e curve fotometriche aziendali. Per un’azienda strutturata è il top!

Il calcolo illuminotecnico su Litestar offre un risultato visivo basato sul motore di rendering chiamato “photon mapping”. Questo tipo di motore è in grado di garantirti un risultato in termini di percezione visiva della luce che vedrai davvero reale. Se stai cercando un software che punta alla sostanza delle cose e non bada ai fronzoli, Litestar è il programma che fa per te.

Non mi è mai piaciuta la scarsa cura nei confronti della simulazione tridimensionale fotometrica che sembra rimasta alla preistoria. Quando guardi un risultato fotografico del tuo calcolo ti pare di avere creato un mondo di Minecraft con la luce.

>Scaricalo da qui

Esempio di realizzazione per interni abitazione con Litestar

Relux: simulazione e modellazione al TOP

Ho lasciato per ultimo Relux non per merito ma per circostanza. Relux è da molti anni il mio software di calcolo illuminotecnico preferito per molti motivi. Il primo motivo è l’interfaccia semplice da capire e da usare, anche se devo ammettere che preferivo la versione di qualche anno fa in stile iconico.

Il secondo motivo per cui amo Relux è la semplicità con la quale si possono creare poligoni, arredi custo ed oggetti che ti permetteranno di personalizzare lo spazio in cui devi pensare a fare luce, cosi da renderlo molto simile alla realtà anche in quei casi in cui la casa o l’ufficio ancora è in fase progettuaoe.

Il terzo motivo per cui oggi io utilizzo questo software è la possibilità di importare file 3DS, fotometrie IES o LDT e abbinare texture, immagini e materiali attraverso il motore Ray Tracing. Avrete capito che i risultati che si possono ottenere in termini di simulazione tridiemensionale sono i migliori con Relux.

I risultati di calcolo sono abbastanza affidabili anche se a volte capita di importare una fotometria che va studiate ed osservata con occhio critico per capirne il comportamento. Non si può avere tutto non vi pare?

>Scaricalo da qui

Esempio di simulazione illuminotecnica fatta con Relux Desktop

Come scegliere il tuo software illuminotecnico

I risultati illuminotecnici ottenibili con questi tipi di software di calcolo illuminotecnico sono simili, sia in termini di risultato illuminotecnico che di gestione delle fotometrie. Relux è molto più flessibile ed aperto anche a files di terze parti.

Come capire quale software di calcolo devi scegliere? Pensa al settore in cui operi, privato, pubblico, giardini, strade, tunnel o altro. Una volta che hai individuato il settore specifico della tua attività puoi approcciarti a questi software.

Per il mondo privato e pubblico Relux e Dialux vanno più che bene. Nel settore professionale o pubblico, Litestar si comporta davvero bene. Quando devi realizzare una calcolo della luce per casa o ufficio, Relux non ha paragone con nessuno ma se vuoi non stare ad ammattire a ricercare le fotometrie della tua azienda preferita Dialux ha un archivio che è imbattibile.